Metro Jonio – Caudo, Sampaolo: “bene ripresa interlocuzione con commissione mobilità ma si faccia varco temporaneo per accesso stazione metro da viale Jonio“

Roma, 8 marzo 2021 “Dopo 6 anni dall’apertura il capolinenea della linea B1 non è ancora accessibile da viale Jonio, ma solo da via Scarpanto. Più volte come Municipio abbiamo sollecitato RomaCapitale per riportare l’attenzione su questa criticità. Oggi, grazie all’interessamento della Commissione Mobilità capitolina presieduta dal consigliere Enrico Stefano, si è tornato a parlare di questa vicenda anche se la soluzione appare ancora lontana. Chiediamo, pertanto, all’amministrazione comunale di creare un varco temporaneo che garantisca l’accesso anche dalla via che dà il nome alla stazione della metropolitana”. Così Giovanni Caudo, presidente del III Municipio in una nota.
“La situazione – spiega Stefano Sampaolo, vicepresidente e assessore all’urbanistica del III Municipio – come più volte da noi spiegato, è alquanto intricata poiché il progetto prevede la realizzazione di una sorta di atrio/piazza con accesso da Viale Jonio: una piazza ottenuta grazie all’abbattimento di alcuni negozi e il loro trasferimento in un edificio, di eguale consistenza, da realizzare ex novo in posizione arretrata rispetto al Viale. Questa struttura commerciale, in realtà, è già stata realizzata da tempo ed è visibile dietro il cancello del cantiere ma i vecchi negozi non sono stati ancora demoliti. Di conseguenza, non ci sono né la piazza, né l’accesso alla metro. Questo è accaduto perché la procedura per il trasferimento dei negozi, che prevedeva tra commercianti e comune una sorta di patto di permuta tra vecchio e nuovo, si è arenata in dirittura finale per la contrarietà avanzata, a suo tempo, dal Dipartimento patrimonio. Inevitabili, quindi, sono state le tensioni e le controversie con i commercianti, cui era stata promessa la procedura di scambio”.
“Oggi – conclude Sampaolo – dopo una fase di attesa in cui sembrava che RomaCapitale volesse cambiare completamente strada puntando su una procedura di esproprio, apprendiamo che il Dipartimento Mobilità di RomaCapitale sta invece lavorando, assieme a RomaMetropolitane, per sbloccare l’impasse tornando al meccanismo della permuta, in modo da tutelare il pubblico interesse e ridurre il contenzioso con i commercianti. Bene, ci auguriamo sia la volta buona, benché i tempi si prospettino ancora lunghi anche a causa di un’estensione dell’area di progetto. Ribadiamo, quindi, la necessità di creare un varco temporaneo per garantire l’accesso da Viale Jonio da parte di tutti i cittadini, nelle more dell’identificazione finale della procedura amministrativa da percorrere”.