Nel III municipio il Covid non ferma la cultura: estensione bando Librarti a sostegno librerie

Roma, 30 ottobre 2020 – Dare fiato e ristoro alle piccole librerie indipendenti, in quanto fondamentali e imprescindibili presidi culturali del territorio. Questo è il senso dell’estensione del bando Librarti promosso dal Municipio Roma III e grazie al quale le 3 restanti proposte precedentemente escluse potranno ora beneficiare di un finanziamento aggiuntivo di 13.000 euro per la programmazione di eventi culturali dalle forme inconsuete anche online come dibattiti, concerti, laboratori creativi e lezioni.
Le attività, che avranno luogo entro il 31 dicembre 2020, si svolgeranno talora in collaborazione con associazioni, cooperative operanti nel settore artistico e dello spettacolo e saranno tutte realizzate nel pieno rispetto delle norme relative al contenimento del rischio epidemiologico da Covid 19.
“Esiste certamente un divario tra la generale necessità di proposte culturali e le chiusure su vari livelli cui stiamo assistendo su scala nazionale a causa della pandemia. Ma la cultura non può essere relegata a ruolo di semplice intrattenimento. Piuttosto, costituisce la base per una crescita individuale e collettiva della comunità. Assolutamente imprescindibile”.
“In questo senso, tutte le librerie che hanno aderito al nostro bando hanno mostrato di essere prima di tutto dei presidi culturali spesso in collaborazione con le realtà umane attive sul territorio e tutte hanno proposto progetti di qualità. Pertanto cercare modalità per l’estensione del bando è sembrato uno sbocco quantomeno naturale.
In questo modo non solo si offre un servizio alla comunità ma sì dà ristoro e aiuto a queste piccole e importanti attività particolarmente impattate dalla crisi economica legata al periodo emergenziale in atto per la promozione di eventi che possano essere realizzati anche online. A vantaggio di tutti e tutte.
La forma dell’iniziativa è modulabile a seconda delle condizioni sanitarie dei prossimi mesi. Questo bando vorrebbe essere l’inizio della creazione di una rete di infrastrutture culturali del municipo”. Queste le parole di Giovanni Caudo, Presidente del III Municipio e Christian Raimo, Assessore alla cultura del III Municipio, in una nota.